Diffamazione online: quando si integra, cosa comporta e com’è punita?

Diffamazione online

I social network sono una realtà più che affermata: non esiste persona che non abbia un profilo Facebook o Instagram, oppure che non faccia uso di sistemi di messaggistica istantanea come Messenger o WhatsApp. Il risultato? Un incremento ragguardevole delle denunce per diffamazione e per stalking.

Eh sì: purtroppo, il risvolto negativo dei social è che le offese alla reputazione su internet non sono mai state così numerose.

Il punto è che le offese alla reputazione fatte su internet integrano il grave delitto di diffamazione, per giunta aggravata: il responsabile rischia di dover affrontare un processo penale all’esito del quale potrebbe essere condannato anche a pagare i danni.

L’offesa della reputazione dell’altrui persona, quando fatta in internet, costituisce un’ipotesi di diffamazione aggravata, in quanto considerata equivalente a una diffamazione realizzata a mezzo stampa o mediante altro strumento di pubblicità.

Insomma: chi offende una persona utilizzando mezzi che raggiungono una pluralità di persone (Facebook, Instagram, gruppi di chat, ecc.), commette una diffamazione aggravata, punibile penalmente.

La persona la cui reputazione è offesa su internet può sporgere querela alle autorità entro tre mesi dal momento in cui ha scoperto la diffamazione. Non occorre un avvocato: è sufficiente recarsi di persona presso il più vicino comando di polizia o stazione dei carabinieri e raccontare il fatto.

Ma quanto costa l’offesa alla reputazione?

L’offesa alla reputazione, soprattutto se fatta a mezzo internet, costituisce un reato al quale può seguire non solo una condanna penale, ma anche una civile.

In buona sostanza, chi diffama deve pagarne il prezzo, anche economico: la persona ingiustamente lesa nell’onore potrà chiedere un risarcimento del danno a titolo di ristoro dell’offesa patita.

Sull’entità del risarcimento da diffamazione incide sicuramente:

  • la risonanza mediatica del fatto soprattutto se si tratta di un’azienda o un brand noto;

Protezione Digitale fornisce consulenza legale e normativa per la gestione delle crisi aziendali in caso di attacchi reputazionali. Se vuoi capire come proteggere il tuo personal branding ci puoi contattare via email: info@protezionedigtale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *